venerdì 6 novembre 2015

Castagnaccio

Il Castagnaccio è un dolce tipico toscano preparato con farina di castagne, uva sultanina, noci, pinoli e rosmarino. Un dolce diffuso in tutto l'appennino tosco-emiliano dove gli alberi di castagno sono numerosi e i loro frutti hanno costituito alimento importante di sussistenza popolare. La ricetta è conosciuta in alcune varianti, alcuni omettono le noci, chi lo prepara soltanto con acqua, chi aggiunge zucchero e chi latte. La mia ricetta è priva di latticini e di qualsiasi tipo di dolcificante, solo il sapore dolce dell'uvetta e farina di castagne di buona qualità aromatizzata con aghi di rosmarino, noci e pinoli per arricchire e conferire una nota croccante a questo dolce che ha per protagonista la castagna, molto gradito anche ai bambini. 
Castagnaccio di Armonia Paleo
Castagnaccio

Ingredienti
Procedimento
  1. Preriscaldare il forno a 190°C in modalità statica.
  2. Mettere l'uva sultanina in una ciotola e coprire di acqua, lasciare in ammollo per circa 10 minuti. Scolare e tenere da parte.
  3. In una terrina setacciare la farina di castagne, unire il sale, versare l'acqua poco alla volta e amalgamare bene il composto con un cucchiaio di legno fino a ottenere un composto omogeneo privo di grumi.
  4. Aggiungere 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva, incorporare una parte di uvetta, una parte di pinoli interi e una parte di gherigli di noce tritati grossolanamente. Mescolare il composto.
  5. Versare il composto in una teglia da forno del diametro di 24 cm, unta con strutto oppure con olio extravergine di oliva. Cospargere la superficie con l'uvetta, i pinoli e i gherigli di noce rimasti, gli aghi di rosmarino e 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva.
  6. Cuocere in forno in modalità statica a 190°C per 40-45 minuti, regolandovi col vostro forno. Il castagnaccio è pronto quando la superficie è screpolata, asciutta, croccante e di un bel colore marrone come la buccia delle castagne.
  7. Lasciare intiepidire e tagliare a fette.
  8. Servire tiepido o freddo.
Suggerimenti: In mancanza di una teglia rotonda del diametro di 24 cm, utilizzare altre forme considerando che il castagnaccio dovrà avere lo spessore di 1 cm per consentire la cottura ideale. Il castagnaccio si conserva per 2-3 giorni.
Stagionalità: Le castagne sono disponibili nei mesi di ottobre e novembre.
Info: Le castagne di terra si possono consumare come snack lessate o arrostite, aggiunte alle zuppe o nei contorni. Le castagne non contengono glutine. A differenza di molti altri frutti a guscio quali mandorle o noci, hanno un basso contenuto di grassi e di acido fitico e sono invece ricche di amido. Contengono vitamina C, rame e manganese. Le castagne hanno un alto contenuto di carboidrati, perciò sono da consumare con moderazione se si vuole perdere peso.
Castagnaccio di Armonia Paleo
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

2 commenti:

  1. Questo dolce lo associo sempre alla mia infanzia, mia nonna lo faceva nei testi di terracotta e ci metteva sotto le foglie di castagno

    RispondiElimina
  2. Che bella usanza Lisa, con le foglie di castagno che profumano di bosco. :-)

    RispondiElimina

Inserisci un commento...

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.