giovedì 9 gennaio 2014

Pulpetti tal-Pastard - Frittelle di Cavolfiore alla Maltese

Da oggi riprendo il viaggio virtuale nelle cucine europee, con destinazione Malta, l'isola mediterranea situata tra la Sicilia e il Nord Africa. 
Malta ha un territorio prevalentemente montuoso, con coste alte e numerose insenature dove si aprono baie dall'acqua trasparente di colore azzurro come la famosa Blue Lagoon e spiagge di sabbia o rocciose frequentate da turisti internazionali. 
La Valletta, la capitale di Malta, fondata dai Cavalieri di Malta, si presenta come un'imponente città fortificata eretta sulle rocce del monte Sceberras che sorge tra due ampie insenature a picco sul mare. Gli imponenti bastioni, le fortezze e la cattedrale, oltre ai numerosi edifici della città-fortezza sono opere d'importanza storica nominate patrimonio dell'Umanità dall'Unesco. Nel patrimonio dell'Unesco sono compresi anche i templi megalitici presenti sull'isola di Malta e Gozo, tra le più antiche costruzioni edificate dall'uomo nel mondo, luoghi in cui ogni 21 giugno è possibile assistere al fenomeno del solstizio d'estate quando i raggi del sole illuminano alcune pietre all'ingresso dei templi.
La gastronomia maltese subisce le influenze della cucina italiana (soprattutto dalla vicina Sicilia), ma anche del vicino Nord Africa, miscelando cucine di diverse culture provenienti dai popoli che invasero l'isola nel corso dei secoli. I piatti tipici sono rustici e variano in base alle stagioni, sempre presente è il pesce pescato nei mari attorno all'isola e tra i piatti a base di carne sono molto diffusi il maiale e il coniglio. Nella cucina maltese, cereali, pane, latticini e legumi sono impiegati nella maggior parte delle preparazioni e non è stato facile trovare una ricetta da proporre in versione Paleo. Poi ho visto qui una ricetta a base di cavolfiore e, sostituendo alcuni ingredienti e variando il tipo di cottura, ho sfornato delle frittelle di cavolfiore molto gustose, pratiche per i pasti fuori casa e buone anche a colazione.  
Pulpetti tal-Pastard - Frittelle di Cavolfiore alla Maltese di Armonia Paleo

Pulpetti tal-Pastard - Frittelle di Cavolfiore alla Maltese

Ingredienti per 16 frittelle
Procedimento
  1. Preparare una pentola per la cottura a vapore, sistemare un cestello in bambù per cottura a vapore e riempire il fondo della pentola  con acqua.
  2. Mettere le cime di cavolfiore sul cestello e chiudere con il coperchio. Cuocere per 15 minuti o fino a quando il cavolfiore diventa morbido. 
  3. Lasciare raffreddare e schiacciare le cime di cavolfiore con una forchetta fino a ottenere una purea.
  4. Aggiungere la farina di mandorle, le uova, il prezzemolo, lo spicchio d'aglio tritato finemente, insaporire con sale e pepe e mescolare bene.
  5. Prelevare dal composto la quantità di un cucchiaio colmo per ogni frittella e deporre sulla placca del forno foderata con carta forno, schiacciare leggermente con il dorso del cucchiaio e cuocere in forno statico a 180°C per 15 minuti, girare le frittelle e continuare la cottura per altri 10 minuti, fino a doratura e regolandovi col vostro forno.
  6. Servire le frittelle calde o fredde.
SuggerimentiPer acquistare un buon cavolfiore, sicuro segno di freschezza sono le foglie croccanti e dure da spezzare, le cime compatte e serrate e l'assenza di macchie scure. Si conserva non oltre i 5 giorni in frigorifero. 
Stagionalità: La stagionalità del cavolfiore va da ottobre a marzo-aprile. 
Info: Il cavolfiore appartiene alla famiglia delle crucifere (o brassicacee) conosciuta per le preziose proprietà nutrizionali, depurativo e antiossidante, in grado di contrastare l'azione degenerativa dei radicali liberi, contiene vitamina A, C e K, oltre ad un alto contenuto di sali minerali quali potassio, calcio, fosforo e magnesio.
Pulpetti tal-Pastard - Frittelle di Cavolfiore alla Maltese di Armonia Paleo

Con questa ricetta di Malta partecipo alla raccolta dell'Abbecedario Culinario della Comunità Europea, ospitato in questa tappa dal blog Torta di Rose
L'Abbecedario Culinario della Comunità Europea!

Pulpetti tal-Pastard - Frittelle di Cavolfiore alla Maltese di Armonia Paleo
Ti potrebbe anche interessare:
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

15 commenti:

  1. Bellissime! grazie Morena :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Lucia, forse ho trovato un'altra ricetta Maltese... ;-)

      Elimina
  2. Ma dai! Stamattina ho comprato il cavolfiore pensando di fare il crumble, ma per i bambini (anche quelli un po' malatini) le crocchette sono anche meglio!! :-)

    Grazie Morena <3
    Emi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che le ho mangiate a colazione queste frittelle!!
      Sono buonissime e il sapore del cavolfiore si sente appena, un buon sistema per farle apprezzare ai bambini ;-)
      Un abbraccio e fammi sapere!

      Elimina
    2. Spazzolate ;-)
      Le ho fatte un po' più grandi perché non avevo voglia di fare un milione di frittelline (siamo in 6!), per cui le ho cotte qualche minuto in più... perfette!
      Ancora grazie!

      Emi

      P.s.: i miei bambini sono sempre andati pazzi per cavolfiori e broccoli, sarà una tara genetica :-P

      Elimina
    3. Emi sono contenta che le frittelle abbiano avuto successo!! Buona serata. :-)

      Elimina
  3. Grazie per non esserti persa neanche questa tappa! Tutte le ricette sono qui: http://abcincucina.blogspot.com.es/2013/12/r-come-ross-fil-forn.html.

    E ora...tutti in Austria!!!!
    Ciaoooo
    Aiu'

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. Grazie Manuela, avevo perso il commento :-)

      Elimina
  5. Appena mangiate !ottime 😀😊grazie

    RispondiElimina
  6. Queste non me le faccio scappare! Ho due bei cavolfiori appena presi e si dà il caso che vada pazza per le frittelle fatte con questi ortaggi. Le provo e casomai le inserisco nel menù natalizio di quest anno (a Roma si mangiano per la vigilia). Grazie cara! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante la tradizione romana per la vigilia natalizia. ;-)

      Elimina
  7. Ciao Morena! Le ho fatte oggi, il sapore è ottimo, ho solo avuto difficoltà a rigirarle dopo i 15 minuti, si erano già attaccate alla carta da forno. Come si potrebbe ovviare a questa difficoltà? Grazie per la tua risposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con un pennello da cucina puoi ungere la carta forno con olio di cocco. Per girare le frittelle, infila una spatola larga sotto l'intera frittella così potrai sollevarla più facilmente senza rotture.

      Elimina

Inserisci un commento...

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.