mercoledì 31 luglio 2013

Frittelle di Fagiolini alla Ligure

A volte le ricette nascono da un ingrediente...avevo dei fagiolini nel frigorifero e, invece di mangiarli lessati in insalata, li ho aggiunti alle uova per farne frittelle. L'idea mi è venuta dopo aver visto questa ricetta sul blog di Susy, mi è piaciuta e ho pensato di rielaborarla senza patate e senza latticini. Ho voluto riprovare con l'arrowroot, che avevo già utilizzato in questi pancakes, perché è una risorsa davvero utile per addensare con leggerezza l'impasto. Poi ho aggiunto un pesto scomposto senza formaggi: un trito di aglio e foglie di basilico con pinoli interi per quel tocco in più che conquista il palato.
Queste frittelle sono perfette per un pic nic, si possono preparare in anticipo, saziano senza appesantire e sono buone anche fredde. 
Frittelle di Fagiolini alla Ligure di Armonia Paleo
Frittelle di Fagiolini alla Ligure

Ingredienti per 9-10 Frittelle
Procedimento
  1. Spuntare, lavare e lessare i fagiolini in acqua bollente per 15 minuti, poi scolare e tagliare a pezzi di 1 cm.
  2. Nel frattempo tritare l'aglio e le foglie di basilico.
  3. Unire tutti gli ingredienti (tranne l'olio di cocco), aggiustare di sale e mescolare bene il composto.
  4. In una padella antiaderente unta con olio di cocco cuocere le frittelle: per ogni frittella mettere un cucchiaio colmo di composto, premere col dorso del cucchiaio e dorare da entrambe le parti.
  5. Servire calde o fredde.
SuggerimentiPer la preparazione di queste frittelle non occorre nessun tipo di lievito, l'arrowroot oltre a legare l'impasto dona una consistenza soffice e lievitata. 
Le frittelle si possono preparare in anticipo e conservare in frigorifero per 1-2 giorni, sono buone anche fredde e adatte come spuntino salato.
InfoL'arrowroot è un tipo di fecola che si ricava dalle radici della Maranta, è un amido molto digeribile, dal sapore neutro e senza glutine. Indicato per addensare salse e nella preparazione di torte e biscotti, dolci e salati.
Aggiornamento: Più persone si chiedono se i fagiolini sono concessi nell'alimentazione Paleo ed io stessa mi sono posta il dubbio, quindi ho fatto altre ricerche. 
Premetto che prima di pubblicare la ricetta sopra riportata, avevo visto nel libro di Robb Wolf "La Paleo Dieta" la ricetta di un contorno a base di fagiolini e ne ho dedotto che siano presenti nella lista degli alimenti ammessi.
Premesso questo, i fagiolini fanno parte della famiglia dei legumi e ben sappiamo che in Paleo si sconsiglia l'uso di legumi a causa degli allergeni contenuti. I fagiolini però sono un caso speciale. In questa pagina Mark Sisson, osserva che piselli e fagiolini consumati freschi (non secchi) sono digeribili finché appunto giovani semi e non lasciati seccare come invece avviene per altri legumi come i ceci e i fagioli. I fagiolini inoltre hanno bassi contenuti di fitati e lectine e in ogni caso la cottura a 100 gradi C ne disattiva gran parte.
In conclusione, poiché i fagiolini sono considerati come un contorno Paleo accettabile, e non sono l'alimento principale, a mio parere ogni tanto si possono mangiare.


Ti potrebbe anche interessare:

20 commenti:

  1. Questa è veramente un'idea stupenda. E gustosissima! Mi hai fatto venire voglia di fagiolini! :) Un bacione grosso e un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io sono contenta di averti dato un'idea! Buona giornata cara Ely!! :)

      Elimina
  2. ciao....ma l'arrowroot può essere sostituito con il guam?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conosco il guam...da cosa è ricavato?

      Elimina
  3. scusa è la farina di guar....ho sbagliato a scrivere....è un addensante..lo usavo per i budini la besciamella etc.
    p.s. oggi vado a far rifornimento di tutti i prodotti che mi occorrono per ri-proporre le tue ricettine...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ecco...la farina di guar si ricava da un legume e nell'alimentazione Paleo non sono concessi!
      Come addensante per i budini si può usare agar agar e per la besciamella il kuzu oppure l'arrowroot.
      PS: ti chiedo cortesemente di lasciare il tuo nome, solo per avere un riferimento, grazie e buona giornata! :-)

      Elimina
  4. non lo sapevo....vedi l'ignorare certe cose!!!fortuna che mi hai avvisata....
    grazie mille...oggi cercherò l'arrowroot..erika

    RispondiElimina
  5. Proprio così, le ricette spesso nascono da un ingrediente e tu sei stata bravissima (come sempre :) ) a realizzare queste deliziose frittelle! :) Poi qui imparo sempre tante cose, ingredienti che non conosco e loro utilizzo, grazie :) Complimenti, un abbraccio e buon pomeriggio :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Queste frittelle le ho già fatte un paio di volte e sono davvero ottime!! L'arrowroot è una nuova scoperta e lo trovo molto utile. Grazie cara, un bacione e a presto!!

      Elimina
  6. Ovviamente non ho trovato nulla al supermercato....ho preso tutto online! Speriamo mi mandino il pacco velocemente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene! Poi fa sapere se ti piacciono! :-)

      Elimina
  7. Proverò sicuramente queste frittelle! Ma io in casa ho la farina di semi di carruba che uso come addensante... cosa ne pensi? baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti so dire se potrebbe funzionare, in ogni caso la carruba è un legume che nell'alimentazione Paleo non si usa. :-)

      Elimina
  8. ciao carissima! sono stata talment epresa in qst periodo che certe meraviglie me le sono perse! come qst tue frittelline deliziose!!!!!
    Che brava sei, non smetterò mai di dirtelo! :-)
    buuona estate! domani partiamo quindi colgo l'occasione per un saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Elena ti capisco, è un periodo "caldo" in tutti i sensi!! Un'estate serena a te ovunque tu vada! ;-)

      Elimina
  9. scusate ma i legumi non sono out nella paleodieta!?!?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai letto l'aggiornamento alla fine del post ???

      Elimina
  10. Sulla gomma di guar hai perfettamente ragione... stasera ho usato per la mousse di avocado del latte di cocco con gomma di guar.. risultato: sono dolorante e piena di fitte alla pancia.... butterò la mousse rimasta anche se mi dispiace, ma il mio corpo mi ha detto chiaramente che non vuole gomma di guar! Incredibile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sonia! Se un cibo non va bene per noi il corpo ci avvisa, infatti la gomma di guar può creare disturbi gastrointestinali.

      Elimina

Inserisci un commento...

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.