mercoledì 17 luglio 2013

Crème Brûlée alla Lavanda

Al rientro da un viaggio in Provenza, ho ancora negli occhi il colore viola dei campi sconfinati di lavanda e il profumo intenso dei fiori che pervade ogni strada dei piccoli borghi arroccati che tra giugno e luglio rivivono il periodo della fioritura con feste e sfilate di carri floreali. In questo periodo, a contrastare il viola della lavanda ci sono campi di girasole e coltivazioni di salvia fiorita, un paradiso per i fotografi e per chi ama i fiori.
In Provenza, i fiori di lavanda si utilizzano anche per cucinare (dai biscotti ai paté di carne), i cibi acquistano un aroma particolare ma occorre dosare con parsimonia i fiori per non lasciare un profumo troppo intenso. Ho già usato i fiori di lavanda in questi biscotti e ho quindi voluto provare un'altra ricetta prendendo spunto da un libro di cucina francese. In Provenza ho camminato tra campi di lavanda profumata, al rientro ho ritirato le uova giallo intenso dal contadino di fiducia e con questi colori non potevo mancare all'appuntamento di Cinzia e Valentina che questo mese ha per tema i colori "Viola Giallo". La scelta di questo dolce è stata quasi ovvia e il risultato è una crema deliziosa che sorprende per l'armonia di delicati profumi e dolci sapori.
Crème Brûlée alla Lavanda di Armonia Paleo
Crème Brûlée alla Lavanda
Ingredienti per 5 porzioni
Procedimento
  1. Portare dolcemente a ebollizione il latte di cocco con il burro di cacao e i fiori di lavanda; poi spegnere il fuoco, coprire il tegame e lasciare in infusione fino a quando il composto diventa tiepido.
  2. In una ciotola sbattere i tuorli con il miele fino ad ottenere un composto spumoso.
  3. Filtrare il latte di cocco attraverso un colino, per togliere i fiori, e versare sulla miscela di uova e miele mescolando rapidamente.
  4. Riempire con il composto 5 piccoli stampi in porcellana da forno (da 150 ml) fino a 1 cm dal bordo e inserire gli stampi in una teglia contenente acqua per la cottura a bagnomaria.
  5. Cuocere in forno statico a 180°C per 30-40 minuti.
  6. Accendere il grill e lasciare la crema circa 2 minuti per ottenere l'effetto bruciatura.
  7. Mettere in frigorifero per almeno 2 ore.
  8. Servire.
Info: Utilizzare fiori di lavanda essiccati e biologici. I fiori di lavanda favoriscono il rilassamento, la tisana può aiutare in caso di ansia, insonnia, stress e depressione.
Crème Brûlée alla Lavanda di Armonia Paleo
Campi di Lavanda a Valensole

 Con questa ricetta partecipo al contest "Luglio in Viola e Gialloideato da Cinzia e Valentina di Colors & Food


Crème Brûlée alla Lavanda di Armonia Paleo

Crème Brûlée alla Lavanda di Armonia Paleo
Campi di girasole e lavanda a Valensole

Crème Brûlée alla Lavanda di Armonia Paleo
Provenza

Crème Brûlée alla Lavanda di Armonia Paleo
Campi di Salvia e Lavanda a Valensole

Crème Brûlée alla Lavanda di Armonia Paleo
Provenza

Crème Brûlée alla Lavanda di Armonia Paleo

Crème Brûlée alla Lavanda di Armonia Paleo
Ti potrebbe anche interessare:

Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

10 commenti:

  1. Colori meravigliosi, foto stupende e sto dolcetto al cucchiaio veramente originale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I colori della Provenza sono dolcissimi! :)

      Elimina
  2. Rapita dalle tue foto, rapita dalla Provenza che da sempre sogno di visitare.. rapita da quei colori che amo moltissimo.. sospiro e affondo il cucchiaio (purtroppo solo virtualmente) in questo dessert unico e speciale! Complimenti tesoro! Di cuore! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ely ti auguro di poter realizzare presto il tuo sogno, la Provenza è bella anche in altri periodi. Un forte abbraccio e buona giornata! <3

      Elimina
  3. davvero una meraviglia, spettacolare questa creme brulée! complimenti!

    RispondiElimina
  4. ...senza parole, carissima. Questo è uno di quei post da incorniciare, foto bellissime e ricetta molto intrigante (mi piace sempre un sacco veder come sostituisci ingredienti più "insostituibili" come lo zucchero ed il burro, brava!)
    quindi che dire.. grazie per questo tour in Provenza, una terra che amo tantissimo.
    E poi, tutta quella lavanda.. magnifica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ricetta originale prevede panna che ho provato a sostituire con il burro di cacao, il risultato mi è piaciuto e oltretutto rilascia un buon profumo mescolato a quello della lavanda. :)
      La Provenza è sempre meravigliosa, con i campi di lavanda fioriti uno spettacolo unico!!

      Elimina
  5. Ciao sono Manuela. Anche io adoro la lavanda e l'ho usata per i miei dolcetti (se ti va di passare da me te ne offro uno) ma tu mia cara sei su un altro pianeta. L'abbinamento con il cocco deve essere da urlo. E quelle foto poi fanno sognare! Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me oramai il cocco è un'abitudine perché non uso latticini e l'esperienza sul posto rende tutto più bello! Grazie e a presto!

      Elimina

Inserisci un commento...

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.