venerdì 5 aprile 2013

Far Breton aux Pruneaux - Far Bretone alle Prugne

Una delle regioni francesi per me più affascinanti è la Bretagna, situata nel nord-ovest della Francia dove la terra viene lambita dall'acqua del mare e il burro prodotto dalle mucche è naturalmente salato. 
A Quimper, cittadina situata nel dipartimento del Finistère, in occasione di una festa locale, mi è capitato di vedere alcune donne con i tradizionali costumi bigouden, il cui elemento caratteristico è il lungo copricapo (coiffe bigoudène) in pizzo bianco, alto oltre 30 centimetri. Pare che questo copricapo ricordi un fatto storico, ovvero un atto di protesta contro Re Luigi XVI che aveva fatto abbattere le guglie dei campanili. Oggi questo copricapo è ancora indossato da un centinaio di donne. Sapevate che i costumi tradizionali, sia maschili che femminili, sono ricamati dagli uomini? 
 Costumi tradizionali femminili del Pays Bigouden - Foto presa da qui
In Bretagna si preparano tante delizie tra cui il Far Breton (simile ad altri dolci francesi come il clafoutis e il flan), una specie di crema cotta al forno con le prugne secche o l'uvetta... detto così può sembrare riduttivo ma credetemi il Far Bretone è delizioso! Un dolce tradizionale della Bretagna, facile da realizzare, ho preso spunto da qui, poi come al solito ho fatto alcune modifiche. Una ricetta che vi propongo nella mia versione in stile Paleo senza cereali e senza latticini.
 
 Far Breton aux Pruneaux - Far Bretone alle Prugne

Ingredienti per 4-6 porzioni
Procedimento

  1. Far fondere il ghee e far intiepidire.
  2. Inserire in un robot da cucina tutti gli ingredienti (tranne le prugne secche) e frullare per un minuto.
  3. Ungere con ghee o olio di cocco una pirofila in ceramica da forno (cm 12 x 17 x cm 5 altezza) e adagiare le prugne secche sul fondo.
  4. Versare il composto sulle prugne e infornare a 170°C in modalità statica per 45 minuti. La crema deve rapprendersi ma rimanere morbida. 
  5. Servire tiepido.
SuggerimentiSi conserva in frigorifero per 2-3 giorni.
Info: Le prugne secche sono ricche di calcio e potassio, aiutano a facilitare le funzioni intestinali, una ricerca ha mostrato che il consumo regolare di prugne secche può ridurre il rischio di cancro al colon.
Far Bretone alle Prugne di Armonia Paleo

Con questa ricetta partecipo alla raccolta dell'Abbecedario Culinario della Comunità Europea per la cucina della Francia, ospitata da Elena del blog Zibaldone Culinario

Far Bretone alle Prugne di Armonia Paleo
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita. 
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

16 commenti:

  1. Cara.. ho sognato prima con le immagini e poi con questo dolce squisito.. è bellissimo e chissà che buono! Devo provarlo senza dubbio!! Un abbraccione e un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ely te lo consiglio, davvero un dolce da sogno! Baci e a presto! :-)

      Elimina
  2. Bellissima la Bretagna, è piaciuta tanto anche a me; interessanti le informazioni sui costumi tradizionali... grazie per la ricetta e gli approfondimenti...e continua così, non fermarti!!!!
    un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cercando informazioni e ricette ho ritrovato i costumi tradizionali e mi sono ricordata dove li avevo visti, quanti bei ricordi!!
      Elena preparati che torno presto con altre ricette. ;-)

      Elimina
  3. Questa era la seconda ricetta per la Francia che volevo preparare, poi come al solito mi ha vinta la pigrizia nel preparare dolci, ma ora che vedo la foto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora ti svelo un segreto...questo dolce l'ho già fatto 3 volte!! La prima non ho resistito dal profumo di vaniglia e ho assaggiato prima di fotografare, la seconda le foto erano venute male e questa è la terza. ^__^

      Elimina
  4. farina di cocco: solo 20 grammi o sono invece 200? 20 mi sembrano pochi... ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La quantità di 20 grammi di farina di cocco è esatta!! Se ne metti di più otterresti una torta. ^_^
      Questo dolce è simile a una crema a cui si aggiunge un piccolo quantitativo di farina, nella mia ricetta ho messo quella di cocco! :-)

      Elimina
  5. bellissima visione della Bretagna! nelle immagini fotografiche paesagistiche e nel piatto!
    Buona domenica amica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimi posti e bei ricordi! Grazie e a presto!

      Elimina
  6. Brava! le tue ricette paleo sono le migliori, le più accurate quanto a dosi e le meglio presentate. approffitto della tura esperienza per chiederti un chiarimento circa la differenza tra latte e acqua di cocco. Ho notato che tra i prodotti paleo consigliati nel tuo sito è compresa solo l'acqua di cocco, mi chiedo se sia posssibile usare indifferentemente l'uno o l'altra.
    Rossella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Rossella e grazie per questi graditissimi complimenti, sono stimolanti per continuare a proporre ricette con entusiasmo!!
      Latte e acqua di cocco sono molto diversi tra loro: l'acqua di cocco è ricavata dal cocco verde, è ricca di sali minerali ed energetica, è trasparente come l'acqua naturale e si può utilizzare come bevanda, puoi guardare la ricetta Drink all'acqua di cocco e lamponi http://armoniapaleo.blogspot.it/2013/08/drink-allacqua-di-cocco-e-lamponi.html
      mentre il latte di cocco si può utilizzare in sostituzione del latte vaccino, io lo metto anche in alcune zuppe e in abbinamento al curry è delizioso.

      Elimina
  7. Ciao! provata questa ricetta con un risultato strabiliante! sono felice!....che bontà!! potrei chiederti se secondo te si possono sostituire le prugne con dei kiwi? avendo ricevuto in regalo una cassa sarebbe una idea per poterne consumare alcuni, in maniera differente...cosa mi consigli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Massimo. I kiwi non sono adatti per questo dolce, un'idea per utilizzarli è la ricetta del carpaccio di salmone e kiwi http://armoniapaleo.blogspot.it/2013/12/carpaccio-di-salmone-selvaggio-e-kiwi.html

      Elimina
    2. Grazie! il salmone me lo sono preso stasera...domani mattina colazione verde rosa....sarei già tentato di mangiarlo stasera tanto è invitante! ma c'è già l'agnello all'abruzzese nel menù. ciau

      Elimina
    3. Wow l'agnello all'abruzzese è buonissimo e vedrai che bello iniziare la giornata con una colazione così colorata e appetitosa! :-)

      Elimina

Inserisci un commento...

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.