giovedì 11 aprile 2013

Crackers alle Erbe di Provenza

Un'amica mi ha chiesto dei crackers da portare in viaggio a Parigi con il gruppo Nordic Walking Smile. Parigi, denominata "la Ville Lumière" (la città delle luci) è una delle principali destinazioni turistiche di tutto il mondo, famosa per la bellezza architettonica dei suoi palazzi, delle chiese e i numerosi musei. La città, costruita su un'ansa della Senna, si può scoprire anche a bordo di uno dei tanti bateaux-mouches, i traghetti che navigano lungo la Senna. Parigi è una città meravigliosa, in aprile poi è uno splendore, ricordo ancora il profumo delle rose al Parc de Bagatelle... quanto vorrei tornarci e invece, devo accontentarmi di un viaggio virtuale in Francia, in compagnia dell'Abbecedario Culinario Europeo, quindi raccolgo le erbe in Provenza e offro a Silvana e al suo gruppo di amiche walkers un vassoio di crackers. Il sapore di questi crackers è davvero simile a quelli tradizionali e inoltre accontenta molte intolleranze perché sono senza cereali, senza uova e senza latticini! Dalla ricetta originale dei crackers alle erbe di Elana, ho sostituito l'olio di oliva con l'olio di cocco più favorevole per la cottura. Li ho già preparati svariate volte in diverse varianti, sono ottimi sia come snack salato sia per accompagnamento a qualche pesto o paté.
Crackers alle erbe di Provenza di Armonia Paleo

Parigi

Crackers alle erbe di Provenza di Armonia Paleo
Crackers alle Erbe di Provenza

Ingredienti per 18-20 Crackers

Procedimento

  1. In una piccola ciotola mescolare le erbe aromatiche essicate.
  2. Mescolare la farina di mandorle con il sale e la miscela di erbe di Provenza.
  3. In una ciotola sbattere l'olio di cocco fuso con l'acqua naturale.
  4. Unire gli ingredienti umidi a quelli secchi e amalgamare bene.
  5. Formare una palla e appoggiarla su un foglio di carta da forno, coprire con un altro foglio di carta forno e stendere l'impasto con un matterello allo spessore di 3-4 millimetri.
  6. Con un coltello ricavare tanti quadrati di cm 5 di lato e adagiare i crackers sulla placca del forno rivestita di carta da forno.
  7. Impastare i ritagli e formare altri quadrati fino ad esaurire l’impasto.
  8. Infornare a 135° per 20 minuti o fino a doratura, regolandovi col vostro forno.
  9. Lasciar raffreddare e servire.
Suggerimenti: Questi crackers si conservano per diversi giorni, in un contenitore di latta o di vetro. 
Le composizioni di "erbe di Provenza" cambiano a seconda del produttore, possono contenere in diversa percentuale timo, rosmarino, salvia, maggiorana, menta, origano e santoreggia. 
Potete preparare la vostra miscela di "erbe di Provenza" con le erbe aromatiche biologiche essiccate e conservarle in un contenitore di vetro pronto all'uso.
Crackers alle erbe di Provenza di Armonia Paleo

Porto questa ricetta della Francia a Elena del blog Zibaldone Culinario per la raccolta dell'Abbecedario Culinario della Comunità Europea  

e partecipo all'iniziativa Salutiamoci, che in questo mese gioca con le mandorle ed è ospitata dal blog I Paciocchi di Francy
Crackers alle erbe di Provenza di Armonia Paleo
Ti potrebbe interessare:

16 commenti:

  1. E' sfiziosissima:-))))) Grazie!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Fantastica idea, devono essere di una bontà incredibile :) Complimenti, un bacione e buona giornata! :) :**

    RispondiElimina
  3. bellissima questa ricetta...davvero insolita e profumata, grazie! elena

    RispondiElimina
  4. e ma dai! mi lasci sempre senza parole!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in questo momento anch'io...ne sto mangiando uno! ^_^

      Elimina
  5. Eccomi finalmente da te :) penso che li provero' subito....o meglio non proprio subito ma tra un mesetto.....parto in trasferta per il sud america e spero di divertirvi un po' con un reportage dall'altra parte del mondo :) e in ogni caso passerò di certo anche in Danimarca (ma che so' Wonder Woman??????)
    un abbraccio
    Rosa Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow Rosa Maria che bel viaggio!!! Non vedo l'ora di avere tue notizie dal sud america!! Buon viaggio cara, un abbraccione. :**

      Elimina
  6. ............dimenticavo.....
    le foto sono stupende :)
    Ciao e alla prossima

    RispondiElimina
  7. a me purtroppo non riescono....primo tentativo con la ricetta indicata, troppo friabili, secondo tentativo ho voluto provare con farina di riso e olio di oliva....la farina è rimasta farina.....terzo tentativo ho raddoppiato la dose di olio di cocco ma niente, ancora troppo friabili, l'impasto non lega e con la cottura non secca.....boh....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace Nick, confermo che l'impasto è molto friabile ma ti assicuro che si realizza, li ho fatti più volte. La ricetta richiede farina di mandorle pelate (senza pelle). Forse lavori troppo l'impasto? Prova a mettere l'impasto in frigorifero per circa 30 minuti prima di stenderlo con il matterello. I crackers si seccano al raffreddamento diventando croccanti.

      Elimina
  8. Oltre alla farina di mandorle , è possibile utilizzare altre farine magari ricavate da semi , tipo canapa decorticata, zucca girasole lino ecc?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' possibile usare altri semi macinati, lascerei perdere i semi di canapa. Sul blog trovi anche la ricetta dei Knäckebröd preparati con tante varietà di semi, ti lascio il link http://armoniapaleo.blogspot.it/2013/09/knackebrod-paleo-pane-croccante-svedese.html

      Elimina

Inserisci un commento...

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.